Rosa Balistreri

Vinni a cantari all'ariu scuvertu

Sono venuto a cantare sotto il cielo

 

 

La Sicilia havi un patruni

 

 

 

 

 

 

La Sicilia ha un padrone

La Sicilia havi un patruni

un patruni sempri uguali

ca la teni misa ncruci

e cci canta u funerali.

 

La Sicilia havi un guvernu

un guvernu talinu

cu la furca a lu capizzu

e la corda nna li manu.

 

La Sicilia havi una patria

chi la stringi nta li vrazza

ma nzammi dumanna pani

finci dallu e tannu ammazza.

 

La Sicilia spupulata

un disertu ogni paisi

vecchi e cani nta li strati

picciriddi scvusi misi.

 

Li picciotti sunnu fora

ca li vrazza lhannu sani

ma lu patri talinu

si vinniu pun pezzu di pani.

 

La Sicilia addummisciuta

dormi u sonnu di li morti

ed aspetta mentri dormi

chi canciassi la so sorti.

 

Ma la sorti nun ostia

un grazia di li santi

si conquista cu la forza

nta li chiazzi e si va avanti.

 

Povira terra mia

comu si po campa. 

La Sicilia ha un padrone

un padrone sempre uguale

che la tiene messa in croce

e le canta il funerale.

 

La Sicilia ha un governo

un governo italiano

con la forca al capezzale

e la corda nelle mani.

 

La Sicilia ha una patria

che la stringe nelle braccia

ma non sia mai chiede del pane

finge darglielo e allora ammazza.

 

La Sicilia spopolata

un deserto ogni paese

vecchi e cani nelle strade

e bambini lasciati scalzi.

 

I giovani sono fuori

ch le braccia le hanno forti

ma il padre italiano

se li venduti per un pezzo di pane.

 

La Sicilia addormentata

dorme il sonno dei morti

ed aspetta mentre dorme

che cambi la sua sorte.

 

Ma la sorte non ostia

non grazia dei Santi

si conquista con la forza

nelle piazze e si va avanti.

 

Povera terra mia

come si pu campare.