Rosa Balistreri

Amore, tu lo sai, la vita amara

 

 

Mirrina

 

 

 

 

 

 

Mirrina

 

Ah, cc! Mirrina e reggiti a lu ventu

e vatti lu violu cantu cantu

a nomu di lu Santu Sacramentu

lu Patri, Figliu e lu Spiritu Santu.

 

Taglia la spiga ncentu voti ncentu

e mentri ca tu giri iu cacciu a cantu

ah cc! Mirrina, ca nta stu furmentu

lu suli doru ci jttau lu mantu.

 

Ora ca laria fu vutata para

prestu ca po vasciuga la sudura

curremu ca lu suli ca nn'affara

di quannu agghiorna nsinu a quannu scura.

 

Amuri tu lu sai sta vita amara

e sai comu la siti nni turtura

si scontri a Nina cu la s quartara

dicci ca Turi s mori darsura.

 

Ah, qua! Mirrina e reggiti al vento

e batti laia torno torno

in nome del Santo Sacramento

del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo.

 

Taglia la spiga cento volte e cento

e mentre tu giri io ti sprono e canto

ah, qua! Mirrina che in questo frumento

il sole doro ha lasciato il suo manto.

 

Ora che il tempo cambiato

facciamo presto che sasciuga il sudore

sbrighiamoci che il sole ci brucia

dal fare giorno fino a quando fa buio.

 

Amore, tu lo sai, questa vita amara

e sai come la sete ci tortura

se incontri Nina con la sua brocca

dille che Turi suo muore di sete.